Vero Volley Monza

Una Vero Volley Monza da record non basta: alla Candy Arena passa Trento al tie-break

MONZA, 23 DICEMBRE 2018 – La Vero Volley Monza sfiora l’impresa contro i Campioni del Mondo dell’Itas Trentino nella gara dei record (con 2 ore e 45 minuti di gioco ha registrato la maggior durata per un match di Serie A con set a 25, scalzando dal primato la partita Gherardi SVI Città Di Castello - Phyto Performance Padova, finita al quinto set in 2 ore e 43 minuti nella 12a giornata di ritorno della stagione 2010-2011). Oggi come allora protagonista in campo Santiago Orduna, oggi con Monza, allora in forza a Città di Castello. Nell’ultima giornata di andata della SuperLega Credem Banca, la squadra di Soli si fa sorprendere dal rientro prepotente della formazione di Lorenzetti, che passa in Brianza, davanti ai 4051 spettatori della Candy Arena, 3-2 in rimonta. Nonostante l’amarezza per l’epilogo, con Beretta e compagni avanti anche nel quarto parziale ma poi incapaci di sprintare nel momento decisivo e soprattutto nel tie-break, la prima squadra maschile del Consorzio Vero Volley chiude al giro di boa con notizie esaltanti. Qualificazione alla Del Monte® Coppa Italia per la terza volta nella sua storia, ma soprattutto miglior posizionamento in classifica (sesto), maggior numero di successi (sette) e di punti (20) al giro di boa da quando è nella SuperLega. Tornando alla gara l’MVP della sfida è Giannelli, capace di gestire con lucidità le bocche da fuoco Russell e Kovacevic, bravi a spezzare, con le loro accelerazioni, l’andamento della sfida a favore dell’Itas. Monza è entusiasmante nel primo e nel terzo set, parte forte anche nel quarto, con una prova mostruosa di Plotnytskyi, Dzavoronok e Ghafour in attacco e di un monumentale Botto come libero, schierato al posto dell’assente Rizzo fermato nel pre gara da un problema muscolare all’anca destra. Vinto il quarto gioco 38-36 rimontando uno svantaggio (12-6 prima e 24-22 poi), Trento sale d’intensità, inizia a martellare forte anche al servizio con Nelli e si aggiudica la vittoria numero dodici contro la formazione brianzola su tredici confronti. Ora i monzesi sono attesi a Verona dalla Calzedonia il 26 dicembre nella prima gara di ritorno della stagione regolare, poi il 30 saranno nuovamente tra le mura amiche per vedersela contro Latina.

LE DICHIARAZIONI POST PARTITA
Iacopo Botto (libero Vero Volley Monza): “Avevo già giocato da libero ma non in una partita così importante. Nel quarto set avevamo una possibilità per chiudere ma ce la siamo fatta scappare e, contro squadre così, non puoi permetterti cali. Guardiamo al futuro con entusiasmo e proseguiamo con questa determinazione, perché la stagione è ancora lunga e possiamo fare davvero bene. Abbiamo migliorato i risultati ottenuti finora nella nostra storia? Merito di tutti: questo è un gruppo fantastico che lavora con grande generosità”.
Gabriele Nelli (schiacciatore Itas Trentino): “Stasera siamo partiti un po’ contratti: caratteristica che ci contraddistingue in trasferta, dove siamo un diesel a differenza di casa in cui siamo un benzina spinto. Nel quarto set, il momento chiave della gara, siamo stati molto bravi in difesa. Non ci siamo mai disuniti e abbiamo avuto la meglio soprattutto a livello psicologico. E’ stata una vittoria importante. Continuiamo a lavorare così, di squadra, per il futuro”.

LA CRONACA IN BREVE
PRIMO SET
Dopo un inizio punto a punto (4-4) condito da errori in battuta da entrambe le parti, è la formazione ospite ad aggiudicarsi il primo break, grazie all' errore in attacco di Plotnytsky. Dzavoronok picchia da posto quattro ma il muro trentino lo ferma e mantiene il break di vantaggio (5- 7). Il ceco, però, non ha paura e schiaccia forte, Ghafour lo imita ed è ancora equilibrio (7-7). Attacco punto di Vettori, poi Dzavoronok d'intelligenza (8-8), ma al servizio sbaglia. Si procede ancora punto a punto (11-11). Giannelli fa male in battuta, Plotnytsky, dall'altra parte del campo, lo segue (13-12). Lisinac dal centro fa paura, ma nessuno riesce ad allungare (17-17). Trento chiama due video check consecutivi, ma è Monza a tentare il distacco (19-17) e Lorenzetti chiama il primo time-out. Difese esemplari da entrambe le parti, ma Kovacevic fa la voce grossa e riporta i suoi in partita (20-19). Invasione di Ghafour e si torna alla parità (20-20). Finale intenso di set, Plotnytsky si fa sentire prima in attacco e poi al servizio (22-20), Ghafour tira una bomba da posto due, Dzavoronok a muro consegna ai monzesi il set point, ma Russel non ci sta (24-22). Dzavoronok chiude il set con un attacco, 25-22, per la Vero Volley Monza.

SECONDO SET
Secondo set che inizia imitando la fine del primo: è la Vero Volley a portarsi fin da subito avanti con Ghafour in battuta (3-1). Russel va a segno, ma i monzesi non si fermano, sostenuti da uno Dzavoronok che continua a martellare da ogni zona del campo (5-4). Kovacevic firma il punto dell'equilibrio (5-5), poi il muro invalicabile di Trento e l'attacco di Vettori ribaltano la situazione iniziale (8-5). Soli chiama il time-out e alla ripresa del gioco Beretta va a segno, ma la squadra di casa è costretta a continuare ad inseguire (10-7). Errori al servizio e in attacco riportano l'equilibrio (11-11). Anche dalla parte di Monza si sbaglia molto e un fallo di Ghafour riconsegna il break a Trento (13-11). Russel alza la voce (14-11) e Soli chiama il secondo time-out. I monzesi tentano il recupero, ma Giannelli di secondo tocco e Lisinac dal centro colgono impreparati i ragazzi di Soli (17-14). Orduna mette a segno un ace, ma poi sbaglia (18-16 per gli ospiti). Plotnytsky si impone da posto quattro, ma non basta. I monzesi sono costretti a rincorrere la formazione trentina (21-17). Arasomwan entra al servizio ma la spara in rete. Soli cambia palleggiatore, dentro Giannotti al posto di Orduna. Ultime azioni del set tutte trentine: Kovacevic fa paura in attacco e il set finisce 25-20 per Trento.

TERZO SET
Dopo un inizio di set in equilibrio (4-4) condito da azioni spettacolari in attacco e al servizio (un ace di Plotnytsky) da entrambe le parti, è la formazione di casa a tentare il distacco con Ghafour che trascina i suoi (7-4) e costringe Lorenzetti a chiamare il time-out. Al ritorno in campo la formazione monzese resta in vantaggio e questa volta è il capitano che si fa sentire dal centro (9-6). Giannelli scegli i suoi centrali per tentare il recupero, prima Candellaro, poi Lisinac vanno a segno (11-9), poi Kovacevic sfrutta la pessima ricezione di Monza (11-10) ma ci pensa Plotnytsky a fermare la rimonta dei ragzzi di Lorenzetti in attacco e poi con due bombe dai 9 metri (14-10). Termina con un errore il turno in battuta dell'ucraino, che si esalta e continua a fare la voce grossa anche in attacco (15-11). Sul 16 a 11 Lorenzetti chiama il secondo time-out del set. Ghafour tira forte in battuta e fa ace (18-12), poi sbaglia, ma si fa subito perdonare con un lungo linea da posto uno (19-13). Lorenzetti le prova tutte, Van Garderen entra in battuta ma la tira out. Anche il regista di Monza vuol far sentire la sua voce e mette a segno un punto di secondo tocco (21-15). Altro ace di Giannelli (21-17) seguito da un'esaltante azione in difesa che si chiude in favore dell'Itas Trento e Soli chiama il time-out (21-18). Plotnytsky vuole chiudere il set e tira forte (22-18), ci prova anche in battuta ma esagera e regala un punto a Trento (22-19). Finale di set condito da numerosi errori in tutti e due i campi. Ghafour picchia ancora dai 9 metri e mette in difficoltà Giannelli e compagni. Van Garderen la spara fuori e consegna il set alla Vero Volley (25-21).

QUARTO SET
Ancora equilibrio all'inizio del quarto set (3-3), ma, come nel set precedente, è la squadra di casa a conquistare il primo break con un ace di Plotnytsky (5-3). Dzavoronok spinge in attacco, Botto impeccabile in difesa e sull' 8 a 5 Lorenzetti chiama il primo time out. Alla ripresa del gioco la situazione non cambia, tanti errori nel campo di Trento, prima Nelli (subentrato a Vettori) in battuta e poi Russel in attacco (10-6). i monzesi ne approfittano e esprimono un gioco perfetto in difesa e in attacco. Plotnytsky firma l'11 a 6 e Lorenzetti chiama di nuovo il time-out. Ace di Dzavoronok e la Vero Volley raddoppia i campioni del mondo (12-6). Giannelli e compagni tentano la rimonta, Candellaro va a punto in battuta (13-10), poi invasione di Trento e punto di Nelli (14-11), ma Monza non si ferma e questa volta tocca a Yosifov, prima dal centro e poi a muro (16-11). Van Garderen tenta di riportare i suoi in carreggiata con due attacchi consecutivi (16-14) e spinge Soli al time-out. Orduna chiama all'appello tutti i suoi attaccanti: Dzavoronok c'è, Plotnytsky anche ed è 18-15. Trento continua ad inseguire e questa volta tocca a Kovacevic riportare i suoi in partita e conquistare la parità (18-18). Ci pensa Dzavoronok a consegnare il primo match point alla sua squadra (24-22), annullato da Kovacevic con una pipe. Secondo match point annullato da Russel, si va ai vantaggi. Plotnytsky regala alla Candy Arena il terzo match point, annullato da un fallo in palleggio di Ghafour (25-25). Ritmi vertiginosi: muro di Dzavoronok, 33 a 32 e ancora match point per la Vero Volley. Russel lo annulla ancora (33-33). Ace di Nelli (33-34) ma poi tira out (34-34). Errore al servizio di Dzavoronok (34-35) ma Plotnytskyi riporta la partita in parità (35-35). L'arbitro richiama i giocatori all'ordine. Kovacevic tira una bomba da posto quattro (36-35 Trento) ma un'altra volta Plotnytsky annulla il set point trentino (36-36). Pipe di Russel (36-37) ed errore di Plotnytsky: set a Giannelli e compagni, 38-36.

QUINTO SET
L'inizio del quinto set è la continuazione del quarto, le squadre procedono punto a punto (3-3), Lorenzetti chiama time-out. Si procede sempre in equilibrio fino al primo tentativo di distacco dell'Itas Trentino con un muro di Kovacevic (5-3). I campioni del mondo continuano a macinare punti a muro e in attacco (7-4) e coach Soli chiama il primo time out. I monzesi tentano la rimonta, aiutati da un fallo in palleggio di Russel (7-5) ma al cambio campo è ancora Trento in vantaggio 8-5. Troppi errori da parte della Vero Volley portano Trento sopra di cinque punti (12-7). Candellaro non fa passare Beretta, Ghafour la spara fuori (14-7) ma poi annulla il primo match point della partita per Trento (14-8). Un lungo linea di Nelli chiude la partita 15-8 per l’Itas Trentino.

Vero Volley Monza – Itas Trentino 2-3 (25-22, 20-25, 25-21, 36-38, 8-15)
Vero Volley Monza: Dzavoronok 21, Beretta 4, Orduna 4, Plotnytskyi 21, Yosifov 9, Ghafour 14; Botto (L). Calligaro, Arasomwan, Giannotti. N.e. Buti, Galliani, Rizzo. All. Soli.
Itas Trentino: Vettori 6, Russell 20, Candellaro 7, Giannelli 7, Kovacevic 19, Lisinac 13; Grebennikov (L). Van Garderen 4, Nelli 9, Cavuto. N.e. Daldello, De Angelis (L), Codarin. All. Lorenzetti.

NOTE
Arbitri: Goitre Mauro, Venturi Giiuliano
Durata set: 31’, 29’, 29’, 57’, 19’; totale 2h45’
Vero Volley Monza: battute vincenti 11, battute sbagliate 25, muri 4, errori 36, attacco 45%
Itas Trentino: battute vincenti 5, battute sbagliate 22, muri 11, errori 41, attacco 57%
Impianto: Candy Arena di Monza
Spettatori: 4051
MVP: Simone Giannelli (palleggiatore Itas Trentino)

Social & Newsletter

© 2018 Monzasport | All Rights Reserved. | Development by WM3

Cerca..

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta