Blancpain

Ferrari e Honda, iscritti da record del Pirelli GT Challenge

Ferrari e Honda hanno confermato ufficialmente la partecipazione all'Intercontinental GT Challenge 2019 Powered by Pirelli, che inizierà questo fine settimana con la Liqui-Moly Bathurst 12 Hour. Queste conferme portano il numero totale di produttori, per questa stagione, al numero record di otto. L'annuncio di Ferrari e Honda arrivato subito dopo la Nissan, che lunedì ha confermato la sua partecipazione. Si sono quindi uniti ad Audi, Bentley, BMW, Mercedes-AMG e Porsche. Le auto iscritte all'Intercontinental GT Challenge rappresentano 20 delle 28 GT3 in gara a Bathurst questo fine settimana, così i piloti sono quasi la metà dei 41 iscritti. La Ferrari, che ha conquistato la vittoria nelle 12 Ore di Bathurst del 2014 e 2017, fa il suo debutto come partecipante all'Intercontinental GT Challenge. Due 488 GT3 sono state iscritte per conquistare punti nei campionati Costruttori e Piloti nel round di apertura: HubAuto Corsa, pole position alla 10 Ore di Suzuka della scorsa stagione, schiera un equipaggio australiano composto da Nick Foster, Tim Slade e Nick Percat, mentre Pedro Lamy e Mathias Lauda a Paul Dalla Lana correranno sulla vettura del team Spirit of Race. Honda, ha scelto di saltare Bathurst in favore del suo debutto nell'Intercontinental GT Challenge del 2019 alla 8 Ore di Laguna Seca in California, il 28-30 marzo quando la sua nuova NSX GT3 Evo avrà ottenuto l'omologazione alle gare. Lo stesso modello correrà quindi la Total 24 ore di Spa (Belgio), la 10 ore di Suzuka (Giappone) e la 9 ore di Kyalami (Sud Africa) che chiuderà la stagione, che ritorna nel calendario internazionale per la prima volta dal 1982. Ai produttori è consentito nominare un massimo di quattro vetture per i round dell'Intercontinental GT Challenge, anche se solo i migliori due piazzamenti porteranno punti nel Campionato Costruttori. I piloti conquisteranno i punti per le loro rispettive categorie, mentre i piloti "amateur" potranno competere anche per il titolo Bronze Drivers.

Stephane Ratel, fondatore e CEO di SRO Motorsports Group: "La partecipazione dei settimo e ottavo produttore alla stagione completa, in particolare l'arrivo di Ferrari e Honda, sottolinea la crescente importanza dell'Intercontinental GT Challenge sulla scena mondiale. Un campionato globale con cinque delle più grandi gare di durata della GT3 merita una lista di partenza stellare, ed è esattamente ciò che è successo in quarta stagione del Intercontinental GT Challenge".
"Sono lieto che Ferrari e Honda si siano impegnate per il campionato 2019 e non vedo l'ora di vedere come si confrontano con sfidanti del calibro di Audi, Bentley, BMW, Mercedes-AMG, Nissan e Porsche. Fin dai tempi del Campionato Mondiale FIA ​​GT1, il GT Racing ha goduto di partecipanti di così alto profilo". Questo fine settimana, 1-3 febbraio, a Mount Panorama in Australia Audi inizia la difesa della sua vittoria nella 12 Ore di Bathurst e il titolo dell'Intercontinental GT Challenge Costruttori 2018.

Social & Newsletter

© 2018 Monzasport | All Rights Reserved. | Development by WM3

Cerca..

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta